Ansiolitici naturali:

Abbiamo scoperto uno dei principali fattori psicosomatici che influiscono negativamente sul sonno: l’ansia, un nome, una garanzia. Riconoscere lo stato ansioso è semplice, si manifesta come una condizione emotiva di forte apprensione o paura, accompagnata da reazioni fisiche inconsuete come palpitazioni, sudorazione eccessiva e iperattività. Moltissime persone non sono in grado di riposare correttamente per colpa dell’ansia, per risolvere tale problematica moltissime persone ricorrono agli ansiolitici.

Che cos’è un ansiolitico? Comunemente, qualsiasi tipo di rimedio sintetico o naturale, in grado d’indurre un effetto calmante nel soggetto che lo assume. In commercio esistono moltissimi tipi di prodotti artificiali ideati in laboratorio con questo preciso scopo, meno risaputo è che esistano dei prodotti naturali, comodamente reperibili in cucina, erboristeria o parafarmacia, a cui si può far ricorso. Tutte queste piante erbacee sono particolarmente indicate sia per trattare gli stati ansiosi patologici, sia per indurre il rilassamento e conciliare il sonno. Non creano dipendenza e e soprattutto non alterano l’umore. I più comuni e reperibili in assoluto sono:

La camomilla: questa pianta è per antonomasia un sonnifero naturale ma sarà poi così vero? Lo è, solo se la si prepara in un certo modo. Bisogna portare l’acqua a ebollizione, immergere la camomilla nel liquido caldo (non versatelo sopra!) e lasciare in infusione per massimo 3 minuti, dopodiché comincerà a rilasciare delle sostanze eccitanti. Lo avreste mai detto?

La melissa officinale: è una pianta erbacea molto utilizzata nella produzione di infusi ed oli essenziali. Le foglie hanno effetti calmanti molti forti. è un antispasmodico naturale, molto utile contro i dolori gastrici e difficoltà respiratorie.

Il biancospino: è molto indicato per chi soffre di ansia generalizzata, poiché agisce molto velocemente grazie alla vitexina, una sostanza che contrasta gli episodi di tachicardie.

La passiflora: i flavonoidi contenuti all’interno di qiuesta pianta la rendono particolarmente indicata per il trattamento di disturbi ansiosi e/o insonnia. Come tutte le erbe finora nominate, è un componente facilissimo da trovare in tisane del supermercato.

La griffonia: è quella più particolare, somiglia a un legume dal colore verde ma è senza dubbio la più potente a livello chimico, pertanto viene anche utilizzata nel trattamento coadiuvante della depressione. Stimola la produzione di serotonina, il cosiddetto “ormone della felicità”.

L’olio essenziale di lavanda: molto usato per l’aromaterapia a causa del profumo molto gradevole e calmante, non ha alcun tipo di controindicazione.

Il giuggiolo: è praticamente sconosciuta come pianta, se non per il modo dire ma la comunità scientifica ne ha appurato gli effetti benefici su mente e corpo. Dopo l’assunzione di questo frutto simile a una noce, si riscontra un effetto sedativo molto spiccato, sembra essere addirittura ipnotico. L’unico problema di questi frutti è che se mangiati in dosi eccessive, possono causare coliche addominali.

L’escolzia: ha un’azione sedativa alquanto forte, grazie al gruppo di flavonoidi contenuti al suo interno. Favorisce la produzione di *melatonina* ed è anche un buon digestivo.

I fiori di Bach: è un miscuglio di oli essenziali provenienti da diversi fiori, creati e selezionati dal medico Edward Bach contro l’ansia e l’apatia. Si possono trovare tranquillamente in farmacia con il nome “Rescue Remedy”, non necessitano di prescrizione medica e non hanno particolari controindicazioni.

La valeriana: è la più conosciuta in assoluto. La troviamo praticamente dappertutto, persino nei profumatori per ambienti. Deve la sua efficacia agli acidi valerianici che regola l’eccitabilità neuronale.
Questi erano i rimedi più efficaci contro ansia, insonnia e difficoltà a dormire.

Riposa Meglio.
Prova Anna Mattress

materasso online anna mattress